PROVERBI PIEMONTESI

Piccola raccolta di proverbi popolari del luogo

"Carl Quint imperadr quand a l'avia disn chiel, a lasava disn i so servidur"

Carlo Quinto imperatore, dopo aver pranzato lui, lasciava pranzare ogni servitore.

"A i cravot ni a l'agnel a s'dovra nen 'l cutel"

Capretto e agnello si mangiano senza coltello

 

"Oca, castagne e vin - ten tt per San Martin"

Oca,castagne e vino per festeggiare San Martino

"A Natal 'l sulet, a Pasqua 'l

A Natale il solicello, a Pasqua il focherello

"A Santa Catrina la fioca 'n culina"

Con Santa Caterina vi la neve in collina

 

"Da San Martin  a Natal li l' pover a sta mal"

Da San Martino a Natale chi povero sta male

 

"San Barnab 'l d p lung c'a i sia"

San Barnab il giorno pi lungo che ci sia

"A la Pifania i di s'lungu 'n pas d'furmia"

Giunti all'Epifania, con passo da formica i d si allungano

"L'Ist d' Santa Catlina a dura dalla seira alla matina"

Estate di Santa Caterina: Dalla sera alla mattina

"A San Barnab l'va a ven e 'l fiur a va"
Con San Barnaba l'uva si fa e il fiore se ne va
 
"A la Candlera nesa fughera"

Alla Candelora un p di fuoco ancora

"L'Epifania mena le feste via, 'l Carlev as trna mn"

Ogni festa via con l' Epifania ma di nuovo vale con Carnevale

"Santa Barbara e San Smn, dlibarene da u lam e da u trn"

Santa Barbara e San Simone, liberatemi via da lampi e tuoni

 

"Si feit dance a Tsalende, le tsalenide i tet a Pasque"

Se fa dolce a Natale, a Pasqua i tetti avranno il ghiaccio appeso ai candeletti

"La Pasqua c'a vena quand l' venia, 'l sales a l' gi la fenia"

La Pasqua pu cadere quando la voglia, il salice ha gi la foglia

 

"Santa Lusa 'l d p crt c'a i sia"

Santa Lucia il giorno pi corto che ci sia

 

"Castagne d' San Martin s'a s'na treuva un bon a val 'n quatrin"

Castagne di San Martino, se una per caso buona ne vale un pochino

 

"A San Luc 'n bn bu l' sman tut"

A San Luca un buon bifolco ha messo tutto nel solco

 

"Aqua d' San Giuan a gave 'l vin e d nen el pan"

Piova di San Giovanni toglie il vino e non d il pane.

 

"Cllier Tsalende cllire dzovalle"

Chiaro il Natale rari i covoni. Natale sereno, covoni di meno.